FIMAA - Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari




CHI SIAMO
ASSOCIATI
NUDA PROPRIETA'
NEWS
RASSEGNA STAMPA
SOTTO...CASA
L'esperto risponde
CERCA CASA




 

11/05/03 n.1

D: 1. Sono proprietario di un'abitazione; il mutuo agevolato (prima casa) scadrà alla fine del 2004. Volendo acquistare un altro immobile (con o senza mutuo) perderei la possibilità dell'agevolazione in atto per il mutuo precedente? Oppure: devo (e/o posso) estinguere anticipatamente il mutuo prima di fare l'altro acquisto?

Risponde: Paolo Magnani, notaio in Bologna
L'agevolazione fiscale prevista dall'art.13-bis del D.P.R.917/86 Testo Unico delle imposte sui redditi, consente a chi stipula mutui, garantiti da ipoteca su immobili, contratti per l'acquisto di unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, la detrazione dall'imposta lorda derivante dalla dichiarazione dei redditi relativa all'anno durante il quale si sono pagate le rate del mutuo, di un importo pari al 19% degli interessi passivi e oneri accessori, pagati in dipendenza del mutuo, di importo non superiore a 7 milioni di lire (per un risparmio che può giungere quindi a 1.330.000 di vecchie lire per anno).
Presupposto di tale agevolazione è la destinazione dell'immobile, entro un anno dall'acquisto, a dimora abituale del contribuente o dei suoi familiari.
La detrazione spetta fino all'anno in cui è variata la dimora abituale, non tenendosi conto dei trasferimenti per motivi di lavoro, né di quelli dipendenti da ricoveri permanenti in istituti di ricovero o sanitari, a patto, in quest'ultimo caso, che l'unità immobiliare non risulti locata.
L'acquisto di altro immobile non determina di per sé la perdita dell'agevolazione, sempre che non sia accompagnato dal trasferimento della residenza.
Qualora invece l'immobile da ultimo acquistato divenga la nuova residenza del contribuente non spetterà più l'agevolazione in dipendenza del precedente mutuo, ma sarà possibile contrarre altro mutuo che fruisca delle agevolazioni in oggetto, purchè l'acquisto dell'immobile sia effettuato nell'anno precedente o successivo alla data della stipulazione del contratto di mutuo.

[torna alla lista delle domande]

L'esperto risponde
webmaster: Stefano Roffi