FIMAA - Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari




CHI SIAMO
ASSOCIATI
NUDA PROPRIETA'
NEWS
RASSEGNA STAMPA
SOTTO...CASA
L'esperto risponde
CERCA CASA




 

09/03/03 n.1

D: 1. Sto cercando casa e mi trovo perciò a visitare decine di immobili con svariate agenzie immobiliari riscontrando livelli molto diversi di professionalità . Vorrei sapere se sono fra i doveri dell'agente immobiliare la verifica della legittima titolarità della proprietà in vendita, della situazione ipotecaria e della regolarità urbanistica.

Risponde: Roberto Maccaferri, presidente FIMAA Bologna
Il fatto che il lettore abbia rilevato professionalità di diverso livello non mi sorprende. Poche categorie professionali stanno vivendo processi evolutivi così radicali quanto quella degli agenti immobiliari. In periodi di transizione così significativi è normale che si incontrino figure professionali più evolute di altre, ma quello che conta è che la maggior parte dei colleghi condivide la necessità di interpretare un ruolo così importante come quello del mediatore professionista con competenza e grande senso di responsabilità. La soddisfazione di entrambe le parti per la conclusione di un "giusto" affare è oggi, per un numero sempre maggiore di colleghi, un elemento di importanza pari, se non superiore, al percepimento del compenso provvigionale.
Venendo al quesito del nostro lettore, debbo dire che, pur non rientrando esplicitamente fra i doveri sanciti per legge, oggi non è più sufficiente per il mediatore "non conoscere elementi che possano incidere sulla bontà dell'affare" per essere esentato da responsabilità di carattere professionale in caso di incidenti. L'evoluzione professionale del mediatore, fortemente sollecitata dalle associazioni di categoria, se da un lato rappresenta una maggior qualificazione, dall'altro comporta degli oneri che sono propri di un professionista. Fra i principali oneri, al di là delle modalità di indagine che vengono considerate più opportune (visure, verifiche urbanistiche, ecc...), vi è sicuramente quello di effettuare un'istruttoria attenta e puntuale che permetta di reperire tutte le informazioni utili per valutare la bontà di un affare ed escludere la presenza di problematiche. Poichè si tratta di un'attività impegnativa e costosa, di solito, viene effettuata dal mediatore che abbia instaurato con il venditore un rapporto contrattuale preciso ed esclusivo. Non mi stancherò mai di consigliare, per evitare spiacevoli equivoci, di verificare sempre, in occasione delle visite agli immobili, oltre al tesserino abilitativo rilasciato dalla C.C.I.A.A., anche il livello di istruttoria effettuato dal mediatore ed il tipo di incarico ricevuto dal venditore.

[torna alla lista delle domande]

L'esperto risponde
webmaster: Stefano Roffi