FIMAA - Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari




CHI SIAMO
ASSOCIATI
NUDA PROPRIETA'
NEWS
RASSEGNA STAMPA
SOTTO...CASA
L'esperto risponde
CERCA CASA




 

26/01/03 n.1

D: 1. Nel mio condominio un vicino ha ricavato, nel suo appartamento, un secondo bagno facendo confluire lo scarico nel pozzetto condominiale di ispezione situato all'interno della sua cantina. Tale lavoro ha escluso la possibilità di ispezionare periodicamente il pozzetto ed alle proteste dell'assemblea dei condomini, si è difeso sostenendo che il pozzetto si trovava nella sua proprietà e pertanto poteva farne ciò che voleva. Ma visto che il pozzetto era regolarmente documentato ed in vecchie delibere assembleari veniva considerato come una specie di servitù è legittimo che il mio vicino ne abbia approfittato?

Risponde: Avv. Marcello Morace, consulente legale FIMAA
Effettivamente, dai dati forniti, il pozzetto di ispezione pur se posto all'interno di una cantina privata rappresenta, a tutti gli effetti, una servitù di passaggio per la sua importante funzione comune all'edificio e nell'interesse del condominio.
La condotta del condomino che ha usufruito per il passaggio dello scarico del nuovo bagno del pozzetto condominiale di ispezione, è da ritenersi illegittima; a questo proposito è doveroso ricordare che recentemente la Suprema Corte di Cassazione si è espressa su di un caso pressoché identico.
Nei fatti narrati a sentenza, un condomino aveva allacciato lo scarico del suo water alla rete fognaria attraverso il pozzetto condominiale di ispezione esistente nella sua cantina, facendo così in modo di sopprimerne la sostanziale identità ed escludere l'importante funzione di vigilanza dell'impianto a cui era adibito il pozzetto stesso (Sez. II, sent. Del 26-11-2002, n. 16847).
Praticamente la Corte ha ravvisato la violazione dell'art. 1102 codice civile sull'uso della cosa comune ai partecipanti del condominio: ogni partecipante può servirsi della cosa comune purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri di farne uso.
Le modifiche effettuate dal condomino segnalateci dal lettore, sono pertanto da ritenersi arbitrarie e può essere richiesta l'immediato ripristino della situazione antecedente.

[torna alla lista delle domande]

L'esperto risponde
webmaster: Stefano Roffi